Antonio Pasciuti - home
www.pasciuti.com


Corrente artistica e Fonti di ispirazione

(Art movement and Sources of inspiration)

Piero Della Francesca 1416-1492
  Piero Della Francesca 1416-1492  

Di quale corrente artistica Io faccia parte, per quanto riguarda il mio percorso in arte informale, è semplicissimo a dirsi: faccio parte del metaformismo, con particolare attenzione al minimalismo, nel senso di cercare di eliminare tutto ciò che non mi sembri essenziale al mio sentire nel momento in cui dipingo. Spesso nel mio percorso artistico mi sono ispirato alle opere dei nostri antenati (vedi pitture rupestri delle caverne Lascaux) e dei nostri grandi pittori del trecento e quattrocento (vedi Piero della Francesca, Beato Angelico, Giotto, Masaccio, etc…). Inoltre Il mio percorso mi sembra molto simile anche a quello del nostro grande Giorgio Morandi: passare dal complesso al semplice per cercare di avvicinarsi sempre più alla “Bellezza pura”.

Preistoria - Caverne di Lascaux
  Preistoria - Caverne di Lascaux  

La Dott.ssa Giulia Sillato, critica d’arte di scuola Longhiana, che ha fondato il metaformismo, mi ascrive a questo che “in realtà non rappresenta né un gruppo artistico, né una corrente, né un movimento, bensì un principio linguistico unitario, la Metaforma, comune a tutte le espressioni artistiche del Novecento. Implicita nell’arte Antica, essa si trasmette al linguaggio artistico moderno, dando origine a quelle fenomenologie artistiche finora indicate con vocaboli come astratto, informale, espressionista, analitico, minimalista, e numerosi altri i quali non rispondono più ad esse in modo circoscritto, l’espressività contemporanea evolutasi al punto da indurre lo storico ad una riformulazione comprensiva di tutte le possibili sfaccettature dell’arte di questi ultimi 50 anni e più, sempre convinto lo storico che la Forma “ribaltata a partire dalla fine dell’ottocento” sia stata in realtà persistentemente sottintesa a qualsiasi operazione artistica. Entrano nel grande gioco del metaformismo, tutte quelle espressioni d’arte, con ciò intendendo pittura e scultura, che integrano il dialogo con le avanguardie del novecento, adeguandolo, opportunamente, alle misure concettuali e tecniche della nostra contemporaneità.
L’intento, pertanto, lungi dal fondare l’ennesimo gruppo, perché di questi la storia dell’Arte è variamente affollata, è quello di offrire un nuovo orientamento critico, per meglio qualificare la poliformia dei mezzi espressivi odierni, fatta eccezione per video e virtualità. La Metaforma infine, scoperta da Giulia Sillato, prevede che non ci si allontani dalla pratica della buona pittura: installare degli oggetti in uno spazio, moda invalsa da diversi decenni, non è per sé un atteggiamento di tipo metaformistico, poiché si arriva all’uso diretto della forma medesima, senza sperimentare i passaggi “transmutativi”, che solo la creazione artistica può plasmare. Nel caso mio specifico bisogna infine tener conto che Io amo da sempre soprattutto sua Maestà il Colore, con le sue infinite armonie cromatiche.”

Beato Angelico 1395-1455
  Beato Angelico 1395-1455  

All’interno di questo progetto, ho partecipato e sono in programma una serie di Collettive e mostre:
Il Metaformismo- “L’arte Contemporanea nelle antiche dimore” Sale del Castellare, palazzo Ducale, Urbino 15/12/2010-20/01/2011, Catalogo Mazzotta

Il Metaformismo- Museo Fondazione Luciana Matalon, Milano,
28/04/2011-14/05/2011, Catalogo Mondadori

Santeramo, Marzo, 2018

 

Antonio Pasciuti - firma